Salta al contenuto principale
Contenuto
Informazioni generali Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Civile e Ambientale

Classe delle lauree LM-23 - Lauree magistrali in Ingegneria civile e LM-35 - Lauree magistrali in Ingegneria per l'ambiente e il territorio

Allegati
Il Corso di Studio si presenta

Il Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Civile e Ambientale pone particolare attenzione verso il carattere multidisciplinare dei problemi emergenti, quali, ad esempio, la prevenzione dei collassi di strutture e infrastrutture, la mitigazione del rischio sismico, delle alluvioni e delle siccità, il miglioramento della qualità dell’aria nelle città, la gestione dei rifiuti e dell’energia, e sulla conseguente necessità di soluzioni sistemiche e sostenibili. Il Corso imposta pertanto la formazione del laureato magistrale sulla scorta di quattro linee guida principali: (A) progettazione e costruzione di strutture ed infrastrutture sostenibili, (B) adattamento al cambiamento demografico, climatico e alla limitazione nell’uso delle risorse, quali il suolo e l’acqua, (C) sostenibilità ambientale per la sicurezza e la qualità della vita dei cittadini, e (D) sostenibilità energetica.

Per tale ragione il Corso presenta quattro Curricula:

  • Curriculum Progettazione di Strutture e Infrastrutture 
    si indirizza alla progettazione, esecuzione, manutenzione e verifica di strutture e infrastrutture, nuove o esistenti, rispetto alla sicurezza e alla durabilità strutturale, alla resistenza sismica, all’instabilità dinamica, al ripristino ed al consolidamento, alla resistenza al fuoco, mediante l’utilizzo di avanzati modelli e sistemi di simulazione predittiva e diagnostica.
  • Curriculum Gestione delle Risorse Idriche 
    approfondisce i temi propri di idraulica, idrologia e costruzioni idrauliche ai fini di identificare le più vantaggiose misure di uso delle risorse idriche e di mitigazione del rischio alluvionale. Sistemi classici come acquedotti e fognature sono analizzati utilizzando i più moderni modelli di calcolo. Insegnamenti di Idrologia Computazionale e Dighe e Serbatoi offrono contenuti tecnici specialistici che possono essere applicati in ambito nazionale e internazionale.
  • Curriculum Sostenibilità Ambientale 
    studia la prospezione del dissesto idrogeologico, il monitoraggio ambientale, la bonifica dei terreni contaminati, la qualità dell’aria, la valutazione dell’impatto e della sostenibilità ambientale di progetti di opere e impianti civili e di piani urbanistici, le tecnologie degli impianti di trattamento dei rifiuti; approfondisce la geofisica del sottosuolo, l’approvvigionamento idrico, la chimica degli inquinanti avvalendosi degli strumenti della geomatica e del telerilevamento ambientale
  • Curriculum Sostenibilità Energetica 
    offre contenuti specifici in ambito energetico, riguardanti le risorse del pianeta utilizzabili a fini energetici, le tecnologie di produzione dell’energia da fonti rinnovabili, le prestazioni di risparmio energetico degli edifici, la certificazione energetica e gli impianti termotecnici.

Il Corso forma un ingegnere dotato di un solido background tecnico-scientifico tradizionale, capace di identificare i problemi emergenti e di comunicare con altre professionalità e con gli enti pubblici per individuare soluzioni tecnicamente solide e rispettose dell’ambiente, rivestendo un ruolo attivo nei processi decisionali. Tale figura è concepita per vincere la sfida del rinnovamento in una società in rapida evoluzione, come conseguenza di cambiamenti demografici, climatici, di utilizzo del suolo e delle risorse, e sotto l’influenza delle rapide evoluzioni tecnologiche dell’automazione e della gestione dei dati. Sono fornite competenze per applicare contenuti scientifici e ingegneristici avanzati alle problematiche complesse di interazione tra le (infra)strutture e l’ambiente naturale, per orientare lo sviluppo sostenibile di un territorio fortemente antropizzato e industrializzato. 

Al termine degli studi, lo studente si potrà laureare nella classe LM-23, Ingegneria Civile, ovvero nella classe LM-35, Ingegneria per l’Ambiente e il Territorio.

 

Cards
Immagine
Informazioni
Info e contatti

Presidente del Corso di Laurea:

Prof. Francesco Mancini

 

Immagine
Organi del CDS
Organi del CdS

Gli afferenti ai Consigli dei Corsi di Studio (CdS) sono definiti annualmente sulla base dei carichi didattici prevalenti.
Ogni Consiglio viene coadiuvato nella progettazione e/o revisione dell'Offerta Formativa da un Comitato di Indirizzo, che si riunisce almeno una volta l'anno.

Il Corso di Laurea magistrale in Ingegneria Civile e Ambientale è un corso ad accesso libero. Occorre tuttavia avere determinati requisiti curriculari (Foglio di Calcolo per autovalutare i requisiti di accesso) indicati nel bando di ammissione ed essersi laureati con una valutazione pari o superiore a 85/110 (o voto superiore a due terzi del massimo previsto, se il titolo è stato conseguito all'estero) ed essere in possesso Certificazione linguistica di livello B1 del Common European Framework of Reference for Languages.
Si segnala di verificare attentamente le scadenze previste dal bando di Ammissione.
A norma di legge, ciascuno studente deve indicare, al momento dell’immatricolazione, la classe entro cui intende conseguire il titolo di studio. Lo studente può comunque modificare la sua scelta, purché questa diventi definitiva al momento dell’iscrizione al secondo anno.

Il Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Civile e Ambientale ha stabilito l'obbligo della compilazione di un piano degli studi da parte di tutti gli studenti.
La presentazione del piano degli studi deve avvenire durante il II anno di corso, indicativamente dal 15 novembre al 30 gennaio (le date sono da confermare ogni anno). Non è prevista la compilazione al I anno.
Di norma la compilazione deve essere fatta via WEB su Esse3, voce "Piano carriera" e solo in casi particolari in forma cartacea utilizzando l'apposito modulo in distribuzione presso la Segreteria Studenti di Ingegneria (Via Campi 213/b).

 

Si segnala che, allo studente che non abbia compilato il proprio piano degli studi nel periodo previsto, verrà assegnato un piano degli studi standard-statutario obbligatorio che diventerà il proprio piano effettivo.

 

CARATTERISTICHE DEL PIANO DI STUDI e PIANO STATUTARIO – COORTI* ATTIVE

Il Manifesto degli studi per il Corso di Laurea Magistrale interclasse in Ingegneria Civile e Ambientale per la coorte 2019/2020, 2020/2021 e 2021/2022, 2022/2023 e 2023/2024  è così strutturato:

Curriculum Progettazione di Strutture e Infrastrutture: 

Lo studente deve scegliere:

  • Un insegnamento caratterizzante tra “Costruzioni Esistenti” o “Ponti”*
  • Un insegnamento affine tra “Impianti Termotecnici” o “Gestione dell’energia”
  • 15 cfu a libera scelta**

Allo studente che non abbia compilato il proprio piano degli studi entro il periodo previsto viene assegnato un piano degli studi standard-statutario che diviene il proprio piano obbligatorio e che prevede come esami: per i 6 CFU caratterizzanti l’esame di “Ponti” (6 cfu), per i 6 CFU affini l’esame di “Impianti Termotecnici” (6 cfu), per i 15 cfu a scelta “Costruzioni Esistenti” e “Idrologia Computazionale”.

* dalla coorte 2023/2024 diventano entrambi obbligatori
** dalla coorte 2023/2024 i CFU  a scelta libera diventano 9
 

 

Curriculum Gestione della Risorse Idriche: 

Lo studente deve scegliere:

  • 15 cfu a libera scelta

Allo studente che non abbia compilato il proprio piano degli studi entro il periodo previsto viene assegnato un piano degli studi standard-statutario che diviene il proprio piano obbligatorio e che prevede per i 15 cfu a scelta “Computational Mechanics” (9 cfu) e “Telerilevamento Ambientale” (6 cfu).

 

Curriculum Sostenibilità Ambientale: 

Lo studente deve scegliere:

  • Un insegnamento caratterizzante tra “Acquedotti e Fognature” o “Prospezione dei Sistemi Geotecnici II”*;
  • Un insegnamento affine tra “Tecnologie Chimiche per il Trattamento dei Rifiuti”, “Telerilevamento Ambientale” o “Reattoristica Ambientale”;
  • 12 cfu a libera scelta

Allo studente che non abbia compilato il proprio piano degli studi entro il periodo previsto viene assegnato un piano degli studi standard-statutario che diviene il proprio piano obbligatorio e che prevede: per i 6 CFU caratterizzanti l’esame di “Prospezione dei Sistemi Geotecnici II” ; per i 6 CFU affini l’esame di “Reattoristica Ambientale”; per i 12 cfu a scelta “Telerilevamento Ambientale” (6 cfu) e “Tecnologie Chimiche per  il trattamento dei Rifiuti” (6 cfu).

* dalla coorte 2023/2024 denominato “Indagini geofisiche per l'ingegneria”.

 

Curriculum Sostenibilità Energetica: 

Lo studente deve scegliere:

  • Un insegnamento affine tra “Impianti Termotecnici”, “Gestione dell’Energia” o “Celle a Combustibile”;
  • 12 cfu a libera scelta

Allo studente che non abbia compilato il proprio piano degli studi entro il periodo previsto viene assegnato un piano degli studi standard-statutario che diviene il proprio piano obbligatorio e che prevede: per i 6 CFU affini l’esame di “Gestione dell’Energia”; per i 12 cfu a scelta “Telerilevamento Ambientale” (6 cfu) e “Impianti Termotecnici (6 cfu).

 

Per tutti gli studenti di qualsiasi curricula è previsto che, al termine del loro percorso formativo, abbiano acquisito il livello B2 di lingua inglese (indicazione ministeriale).

Le possibilità sono le seguenti:

  • se lo studente, all’atto dell’immatricolazione al Corso di Studi, presenta una certificazione internazionale ritenuta idonea o il certificato del superamento di un esame universitario di analogo livello, viene inserita sul libretto universitario l’attività didattica “Livello di competenza linguistica in lingua inglese B2” – giudizio Idoneo – 0 cfu, che dimostra tale acquisizione;
  • se non presenta alcun documento, lo studente dovrà seguire i corsi di lingua Inglese di livello B2 erogati dal Centro Linguistico di Ateneo (CLA) e superare il relativo esame. Tali corsi prevedono il riconoscimento di 3 cfu con giudizio Idoneo e verranno convalidati per l’insegnamento di “Livello di competenza linguistica in lingua inglese B2”- giudizio Idoneo – 3 cfu. In conseguenza a questo, i crediti del Tirocinio/Attività Progettuale saranno rimodulati su 9 cfu, per non far acquisire allo studente più di 120 cfu.

Lo studente quindi deve scegliere nel piano di studi quanto gli è stato assegnato (vedrà due opzioni: Livello di competenza linguistica in lingua inglese B2 – 0 cfu + Tirocinio/Attività Progettuale - 12 cfu o Livello di competenza linguistica in lingua inglese B2 – 3 cfu + Tirocinio/Attività Progettuale – 9 cfu.

 

INFORMAZIONI TECNICHE SULLA COMPILAZIONE ON LINE

La compilazione del piano on line prevede due alternative di compilazione, visualizzabili una volta entrati nell'area personale Esse3, alla voce Piano carriera:

1) uno schema di piano “APPR”, che prevede che il piano compilato sia automaticamente approvato: in questo percorso vengono proposti solo gli insegnamenti offerti dal Corso di laurea Magistrale in Ingegneria Civile e Ambientale, di tutti i curricula;

2) uno schema di piano “PROP” che dovrà poi essere valutato dal Consiglio di Corso di Studi e che deve essere scelto solo da:

- studenti provenienti da passaggio/trasferimento da altro Corso di Laurea/Ateneo che hanno avuto esami facoltativi riconosciuti già approvati con delibera del proprio Consiglio di Corso di Studi e caricati sul libretto elettronico. Solo nel caso in cui gli esami della delibera di passaggio/trasferimento non siano stati caricati sul libretto elettronico o se la richiesta di convalida non sia stata ancora fatta, la compilazione del piano deve avvenire per mezzo dell'apposito modulo cartaceo in distribuzione presso la Segreteria Studenti di via Campi 213/b, da riconsegnare prima della scadenza negli orari di ricevimento;

- studenti che abbiano sostenuto esami facoltativi in Erasmus già approvati con delibera del proprio Consiglio di Corso di Studi e caricati sul libretto elettronico;

- studenti che vogliono sostenere esami extra manifesto di Civile e Ambientale, dopo aver chiesto alla Segreteria Studenti di caricare l'attività didattica a libretto; si consiglia, se si ha intenzione di fare delle scelte extra manifesto, di informarsi preventivamente dal Presidente del Corso di Laurea, per evitare di incorrere in una non approvazione, che porterebbe nel caso in cui gli esami fuori manifesto siano già stati sostenuti a NON poterli considerare nella propria carriera (poiché saranno considerati sovrannumerali) e non faranno parte del numero di CFU utili per conseguire il titolo con la necessità quindi di sostenere ulteriori esami.

I piani in stato PROP verranno valutati dal Consiglio di Corso di Studio successivamente alla scadenza per la compilazione dei piani.

Lo studente sarà contattato in caso il piano venga respinto per una nuova compilazione.

La laurea magistrale si consegue previo superamento della Prova Finale a cui si accede dopo aver superato tutte le attività formative previste dal CdS nella classe di laurea scelta (LM23 o LM35). La Prova Finale accerta il raggiungimento degli obiettivi formativi specifici del corso di laurea magistrale; essa consiste in un elaborato scritto relativo a:

  • a) attività effettuata durante il tirocinio svolto, sotto la supervisione di un docente/ricercatore, presso industrie, aziende o enti esterni, sulla base di apposite convenzioni;
  • b) attività effettuata, sotto la supervisione di un docente/ricercatore, presso laboratori di ricerca dell'Università di Modena e Reggio Emilia o di altri enti pubblici o privati di ricerca, sulla base di apposite convenzioni;
  • c) argomenti connessi con insegnamenti del piano di studio, assegnata da un docente/ricercatore.

La redazione dell'elaborato dovrà dimostrare la padronanza degli argomenti trattati e degli strumenti teorici e tecnici utilizzati dal candidato. Il lavoro dovrà essere svolto con adeguato livello di autonomia e capacità di analisi critica, e discusso dal candidato con appropriate capacità comunicative.

La Prova Finale può essere sostenuta in una lingua straniera, preventivamente concordata con il Presidente del CCdS. In questo caso deve essere predisposto anche un riassunto esteso dell’attività svolta in lingua italiana.

Per ogni studente viene indicato un relatore (docente o ricercatore), incaricato di seguire la preparazione alla prova finale e di relazionare in merito alla commissione.

La Commissione di Laurea Magistrale è nominata dal Direttore di Dipartimento su proposta del Presidente del CCdS. La Commissione è composta da cinque membri indicati tra i professori di prima e di seconda fascia e ricercatori di norma afferenti al CdS.

La Commissione valuta la prova finale e, in caso di superamento della stessa, assegna per la prova finale un punteggio intero da 0 a 7 cento decimi tenendo conto della qualità del lavoro svolto e della capacità espositiva dimostrata.

Il tutorato, in ottemperanza alle disposizioni dell'art. 13 delle legge 341/90, è un servizio finalizzato ad assistere gli studenti iscritti all'università lungo tutto il percorso degli studi, rimuovendo gli ostacoli per una proficua frequenza dei corsi e favorendo la partecipazione attiva alla vita universitaria.

Il docente tutor è un punto di riferimento a cui rivolgersi per chiedere consigli, ricevere aiuto per l'inserimento nel proprio percorso di studi e per avere tutte le forme di assistenza finalizzate a rendere più efficaci e produttivi gli studi universitari.

Il docente tutor in particolare può fornire un supporto metodologico-didattico, finalizzato a superare difficoltà legate all'apprendimento (es. preparare un esame, mettere in relazione i contenuti delle diverse discipline, chiarire dubbi sulle materie di studio) oppure può contattare direttamente gli studenti in difficoltà per proporre loro azioni di supporto predisposte dall’Ateneo.

Docenti: Tarantino Angelo Marcello, Teggi Sergio, Mancini Francesco.

Nessuna propedeuticità obbligatoria.

Cards
Immagine
Organi del CDS
Stage e Tirocini
Immagine
Tutor
Tutorato